UF7 modificata - modified UF7



-ITA-
La prima CME modificata! v1.0

Ho modificato la mia tastiera CME UF7 in modo renderla "standalone", ovvero utilizzabile in maniera autonoma: in pratica non è più una masterkeyboard midi ma un sintetizzatore vero e proprio, con un motore audio molto potente. Per fare questo ho aggiunto un minipc montandolo all'interno del case della tastiera. Il lavoro è stato abbastanza duro, ci ho messo due giorni pieni(sto parlando solo del montaggio) non senza momenti di sconforto... gli innumerevoli problemini che si presentano durante un'operazione di questo tipo non devono(non possono!) essere sottovalutati. Questa pagina è da considerare un aiuto a chi vorrebbe fare la stessa cosa ma soprattutto è l'illustrazione/condivisione della mia esperienza a riguardo.
ATTENZIONE: NON è MIA INTENZIONE CONSIGLIARE QUESTA MODIFICA! LA RESPONSABILITà DI TUTTI I POSSIBILI DANNI/MALFUNZIONAMENTI CHE POTRESTE PROVOCARE è SOLAMENTE VOSTRA!
RICORDATEVI CHE APRIRE LA TASTIERA CME EQUIVALE A INVALIDARNE LA GARANZIA

in pratica se spaccate qualcosa sono cavoli vostri ;-)

IL MINI-PC

Per prima cosa, bisogna scegliere quello che diventerà il vero nucleo operativo della tastiera. Dovrà essere abbastanza potente per caricare VST e VSTi(anche in coppia) o Reason o quello che volete voi: dunque verificate quale sistema può essere quello oppurtuno, leggendo le specifiche dai siti dei vari produttori, per i VST e il VST host che indicativamente andrete a caricare. In commercio ci sono molti tipi di mini-pc: io ne ho trovato uno abbastanza potente ad un prezzo relativamente basso. E' un AOpen MP915-b con un Pentium M 1,73ghz, 512mb di ram e un hard-disk da 20gb 5400rpm(è per portatili, dunque 2,5"). Ho scelto di non utilizzare samples, dunque chi punta ad avere una generazione sonora basata su campionamenti è bene che presti una certa attenzione a questo componente.
Ho comprato un mini pc perchè originariamente la mia idea era di usarlo come expander. Solo successivamente ho intuito che il case dell'UF7 era così spazioso che poteva contenerlo perfettamente :-) devo aggiungere dunque che in commercio si trovano anche delle schede madri di dimensioni ridotte (chiamate mini-itx e forse meno costose del mini-pc) che potrebbero andare ugualmente bene allo scopo. E' bene comunque che qualsiasi cosa scegliate non superi -se non di qualche mm- le misure del mini-pc in larghezza e altezza(ovvero 16,5 x 5,5 cm). E' inoltre buona cosa informarsi il più possibile quando si compra un oggetto simile destinato ad un uso tanto particolare; non si deve comprare alla cieca perchè il rischio di delusioni è altissimo.

SCHEDA AUDIO

La scheda audio interna del mio mini-pc è inutilizzabile per lo scopo prefisso. Niente da fare neanche con gli asio4all: le note partono in ritardo e molto spesso non ricevono il note-off(...). Avendo a disposizione una porta firewire e due porte USB, ho pensato di usare queste ultime per le periferiche standard(mouse, tastiera per pc, chiavette...) e di assegnare la porta FIREWIRE ad una scheda audio. ATTENZIONE!! Non uso la porta USB per alimentare la CME UF7 perchè, in alcuni momenti, l'UF7 assorbe più energia(per esempio muovendo velocemente il knob program change) di quanto l'usb può fornire: questo significa che la tastiera scompare letteralmente da Windows(nel mio caso) e con alcuni VST host ci possono essere problemi. Per esempio il mio VST host non emetteva più suoni perchè la porta UF USB MIDI IN si auto-deselezionava.
Come scheda audio ho quindi scelto una Terratec Phase 24 FIREWIRE, che è una scheda ottima e si trova ad un prezzo più che ragionevole, e l'ho collegata all'UF7 via cavo midi standard. La latenza, nel mio caso, è di 3ms.

CONFIGURAZIONE

E' di una certa utilità configurare e testare(più volte) il mini-pc PRIMA di inserirlo nell'UF7! Se, come me, sceglierete Windows XP come Sistema Operativo, avrete un po' di lavoretti da fare per renderlo stabile ed efficiente. Innanzitutto, disattivate scheda di rete e scheda audio integrata. Poi procuratevi una di quelle guide per l'ottimizzazione di winxp (cercate su google) e sbizzarritevi, praticamente deve rimanere solo lo scheletro di XP. Per togliere la schermata iniziale di Windows, avviate MSCONFIG da "Esegui" e spuntate /nobootgui. Cliccando con il tasto destro sul desktop, su gestione energia(o qualcosa di simile) oltre a togliere qualunque tipo di screensaver e opzione di risparmio, troverete un tab che permette lo spegnimento del pc dal dal tasto di accensione: scegliete questa opzione. Secondo me è consigliabile lo spegnimento, piuttosto che il "Freeze". Fra l'altro il tempo che ci mette il mio minipc da spento a operativo(quindi passando boot e carimento host) è 40 secondi, tempo assolutamente concorrenziale rispetto al ripristino dal freeze. Gli unici programmi che devono essere installati sono l'host e i vst. Metterete poi il file di avvio dell'host in "esecuzione automatica".

VSTHost

Come host VST ho scelto VSTHost di Hermann Seib(donationware). E' completamente configurabile riguardo al midi. Per esempio, è possibile crearsi delle performance. L'utilità di questa cosa è enorme, perchè mi permette di caricare solo i VSTi che mi servono(quindi un paio alla volta) senza appesantire la cpu. Inoltre è possibile configurarlo in modo che le performance cambino inviando messaggi midi, quindi lasciando a casa mouse e tastiera pc! Io ho impostato l'applicazione in modo che le performance cambino alla ricezione dei program change sul canale 16: dunque "strumento vst 1" su canale 1 e "strumento vst 2" su canale 2, per cambiare strumenti si va sul canale 16. E' un metodo pratico e veloce. Su un foglio mi sono segnato le varie performance e i relativi PC assegnati, anche se oramai li ho imparati a memoria :-)
ATTENZIONE AGGIORNAMENTO! Problema e trucchetto per risolverlo: in questi mesi di utilizzo ho notato che le uniche fonti di problemi(=blocco sw) erano dovute al cambio di performance fra performance distanti tra loro(specie se complicate), per una debolezza di VSTHost. Mi spiego: se devo passare dalla performance 5 alla performance 1, è chiaro che mettendosi sul canale 16 devo scalare le performance una ad una... questo significa che VSTHost carica 4 performance in pochi secondi, per arrivare solo all'ultima... 1 volta su 20 questo meccanismo fa bloccare il SW. La soluzione semplicemente è questa: cambiare program change senza andare sul canale 16 arrivando "vicino" alla performance, andare sul canale 16 ed aumentare di una unità il program change, in modo che carica solo la performance che realmente serve. Per esempio, se devo andare dalla performance 5 alla 1, seleziono il program change 2, vado sul canale 16 e torno a cambiare il program change andando sull'1. In questo modo, l'unico scattino finale che facciamo sul canale 16 permette a VSTHost di ricevere precisamente il PC e caricare quindi senza alcun problema la nuova performance. Più facile da fare che da spiegare.

COSTRUZIONE STRUTTURA E INSTALLAZIONE

Bè qui la cosa si fa un po' più complicata, più che altro perchè c'è bisogno di costruire qualcosa dal nulla.
Materiale necessario:
-scotch da pacchi (serve a qualunque cosa)
-foglio di compensato 4mm
-coltellino (se volete anche un seghetto)
-angoli di metallo e relative viti
-chiodini (bah, io ne ho usato 1)
-colla(attack)
-feltrini adesivi
-gommini adesivi
-vi servirà un trapano per fare un buco nel fianchetto destro. Servirà ad accendere il pc ad operazione conclusa
Trovate tutto in qualche negozio di bricolage, io ho speso 20 euro(senza trapano e coltellino.. ;-). I gommini e i feltrini li trovate nel reparto bagno fai-da-te.
La tastiera si apre(grazie jumpstart!) svitando le viti lungo tutto il bordo inferiore, le due viti sotto le wheels e le due viti centrali. ATTENZIONE: APRENDO LA TASTIERA INVALIDERETE LA GARANZIA! SCOLLEGATE LA TASTIERA DALLA RETE ELETTRICA(si sa mai... funziona a basso voltaggio e la modifica in questione non riguarda assolutamente l'elettronica della tastiera, comunque eviterete di danneggiare qualche componente). Come potete vedere osservando l'interno del case superiore della CME, ci sono due canaline(una verso la tastiera una verso il retro/fondo) dentro cui è avvitata la scheda centrale: il compensato dovrà incastrarsi nella canalina in fondo, facendo attenzione a NON superare la canalina verso i tasti(altrimenti li toccherà..). Per fare questo dovrete assottigliare un poco(servitevi del coltellino) la parte di compensato che andrà ad incastrarsi, che fra l'altro dovrà avere lo spazio per "saltare il fermaglio"(ingrandite la foto qui in basso: il fermaglio si trova di fianco all'alimentatore proprio sotto l'angolino di metallo).
Dovrete quindi fare in modo che il compensato si incastri da un lato e venga fermato dalla canalina vicina alla tastiera stessa. Nota: questo discorso risulta sicuramente incomprensibile se non avete visione dell'interno della UF7!
Se non ricordo male(voi comunque non fidatevi) le misure del pannello di compensato che ho innestato dovrebbero essere 60x17 cm. Come potete vedere dalle foto, c'è una parte del legno che sfiora la scheda della CME: questo è un errore non calcolato da parte mia, infatti ha toccato la scheda dopo che si è assestato... aveva una piega naturale che ho cercato di sfruttare. Questo in realtà non mi crea nessun problema, ma se volete fare una cosa fatta bene, è necessario che prendiate le misure con cura e costruiate una sorta di scaletta in modo da saltare la scheda e non sfiorarla neanche.
Ora mancano gli angoli di metallo da usare per bloccare saldamente i componenti da installare(che nel mio caso erano pc, scheda audio e alimentatore). Prendete perfettamente le misure, avvitateli bene ma non troppo altrimenti rompete il compensato e fate filtrare qualche goccia di colla fra le viti e il legno. Una volta montati gli angoli come da foto, appiccicategli sopra un feltrino: oltre a non rovinare l'apparecchiatura, servirà a fare spessore stringendola per bene. Negli alloggiamenti che avete preparato mettete tutti i feltrini e i gommini che volete in modo da preparare un morbido lettino per la vostra attrezzatura.

SURRISCALDAMENTO

Oh, in molti hanno sollevato una giusta questione: ma un pc lì dentro non si surriscalda fino ad esplodere?? Bene, NEL MIO CASO non succede. Posso ipotizzare perchè: perchè il minipc dissipa benissimo il calore, perchè il vano dove è alloggiato non è chiuso e perchè il case dell'UF7 è in alluminio, e questo sicuramente aiuta la dispersione del calore. In ogni caso, non imitatemi! Se dovessi rifare tutto, per sicurezza, metterei un dissipatore usb(esistono!) nel vano per smuovere l'aria e facilitarne il ricambio e il raffreddamento. Inoltre sto pensando di inserire qualche sacchettino idroassorbente(silicagel) per evitare la formazione di umidità.

TRICKS!

Questo paragrafo è abbastanza importante. Adesso c'è un pc chiuso dentro la CME! In teoria è inaccessibile, invece è quasi del tutto controllabile, vediamo come. Non so se dalle foto riuscite a vedere, ma ho lasciato uscire appena appena dall'apertura posteriore della cme alcune cosette:
-IL CAVO FIREWIRE verrà attaccato alla scheda. Io lo stacco sempre dalla Terratec per non fare danni durante il trasporto poi mi dimentico di riattaccarlo!
-LA PROLUNGA USB per fortuna ne avevo una a casa. Reciclata immediatamente, serve a mille cose. Fornisce una sola porta all'esterno, è vero, ma potete attaccarci un hub usb e avrete tutte le porte che volete. Io solitamente faccio così, poi all'hub ci attacco(quando devo caricare qualche vst, per esempio) mouse, tastiera e chiavetta usb.
-IL CAVO S-VIDEO che serve ovviamente per vedere quello che state facendo. Una nota: io ho fatto uscire questo ma se lo fate voi fate uscire una prolunga VGA. Questo perchè il segnale s-video non è ad alta definizione ed è probabile che su uno schermo tv non riusciate a leggere le scritte. Fortuna che sul mini-pc c'è un programmino Intel che serve ad ingrandire le porzioni di schermo che in molti casi mi aiuta.
Ho poi legato insieme con una stringa con l'anima in metallo(quelle per chiudere i sacchetti..) tutti i cavi, ancorandola ad un forellino della CME(quello per le viti dello slot).

EFFETTI COLLATERALI

Pochi, direi e di poca importanza(secondo me).
Punto per punto:
-la tastiera peserà un paio di kili scarsi in più(sopportabile)
-la tastiera sarà più delicata(ogni volta che la sbatto mi prenderei a schiaffi)
-questo è importante.. mi succede spesso di accenderla e non sentire nessun suono..quando succede maledico le mie idee, salvo poi accorgermi che non è nessun errore software ma solo mi son dimenticato di attaccare qualche cavo...però l'attacco di panico viene, eccome se viene :-D
-non potrete più utilizzare il lettore cd del minipc(non lasciate cd dentro!)

Tutto qua. Ma la tastiera che son riuscito a mettere in piedi è molto potente, stabile,continuamente aggiornabile e può sfruttare qualsiasi tipo di sintesi per ottenere qualsiasi tipo di suono, cpu permettendo. Inoltre è relativamente economica, se andiamo a confrontare il prezzo e le caratteristiche di altre tastiere costruite per farci girare i vst. Insomma sono molto contento del risultato, la "modified UF7" è il mio gioiellino! Suona perfettamente come vorrei che suonasse.

VST

Mi permetto di consigliare qualche VST non propriamente commerciale, sperando che ai legittimi creatori faccia piacere.

-primo nell'elenco un non-VST! Con synthedit potete creare quello che non trovate nel web
-alcuni ottimi strumenti a modelli fisici. Provate per esempio il Seventythree
-il MiniMogue!! Divertentissimo e molto espressivo. Il filtro va anche in autorisonanza.. inoltre ha un suono che ricorda molto il mitico monofonico
-tickyclav emulatore dell'Hohner Clavinet
-un synth secondo me molto potente e intuitivo: FreeAlpha
-il mitico BlockFish!! Io non posso fare a meno di usarlo, messo su un rhodes o su un synth con un pizzico di saturazione, fantastico!


write me! [email protected]
Tutte le variazioni e gli aggiornamenti riguardanti la modifica sull'UF7 le trovate nel FUNKYFORUM alla voce tastiere